Warning: Declaration of WP_SimplePie_Blog_Item::get_id() should be compatible with SimplePie_Item::get_id($hash = false) in /membri/audiovisione/wp-content/plugins/blogger-importer/blogger-importer-blogitem.php on line 24

Warning: Declaration of WP_SimplePie_Blog_Item::get_links($linktypes) should be compatible with SimplePie_Item::get_links($rel = 'alternate') in /membri/audiovisione/wp-content/plugins/blogger-importer/blogger-importer-blogitem.php on line 24

Warning: Declaration of Blogger_Import_List_Table::prepare_items($blogs, $JSInit) should be compatible with WP_List_Table::prepare_items() in /membri/audiovisione/wp-content/plugins/blogger-importer/blogger-importer-table.php on line 14
Lucio Fulci, "Una Lucertola con la pelle di donna" | Audiovisione
Crea sito

Lucio Fulci, “Una Lucertola con la pelle di donna”

Un buon thriller di Fulci, realizzato con un budget meno miserabile del solito, con scene accattivanti sia sul piano strettamente formale che su quello emotivo e spettacolare.

Carole Hammond è continuamente tormentata da una serie di incubi erotici che hanno come protagonista Julia Dürer, la sua conturbante vicina di casa, una donna dalla vita sessuale piuttosto sfrenata e disinibita. Una notte arriverà al punto di sognare la morte di quest’ultima. Quando “confessa” il sogno al suo psicanalista, il medico la convince che si tratta solo di una rimozione definitiva della sua ossessione. Julia Dürer però muore per davvero e sul luogo del delitto verranno rinvenuti una pelliccia ed un tagliacarte entrambi appartenenti a Carole…

Diverse le sequenze da antologia, in particolare quelle oniriche: le ripetute uccisioni di Julia, il delirio di Carole che corre attraverso un corridoio infinito, la “cronenberghiana” stanza dei cani squartati, con gli organi vitali in vista, mantenuti in vita da apparecchiature medicali.

Il film si caratterizza inoltre per il lunghissimo finale in cui quasi tutti vengono sospettati e scagionati. Qualcuno viene ucciso, qualcuno addirittura si uccide pur di auto-accusarsi…Magistrale lo scioglimento dell’enigma: mentre nella classica scena della serie “tutti i sospetti riuniti sul luogo del delitto” si individua solo un falso colpevole, il vero assassino invece è svelato dieci minuti dopo, senza nessuna tensione, sotto forma di un banale dialogo.

P.S.
Lo strano titolo non c’entra nulla con la trama, quindi non aspettatevi sirene che strisciano sui muri… è solo lo sproloquio di un hippie sotto lsd.